101NOTIZIE

Capodanno Cinese da Oriente ad Occidente

Il Capodanno Cinese, il cui nome ufficiale è Festa di Primavera, è l’evento più importante dell’anno in Cina, paragonabile alle festività natalizie dei paesi occidentali.

A differenza dell’Occidente, non ha una data fissa, poiché segue il calendario lunare e, per il 2020, l’anno del Topo – il primo segno dello zodiaco cinese – si festeggia sabato 25 Gennaio.
Il Capodanno Cinese richiama sempre più spettatori in molte città e, anche in Italia, si celebra con le numerose comunità che vivono nel nostro Paese.
A Milano, città natale di 101CAFFE’, è una solennità condivisa ormai da tanti anni, con una serie di eventi che riguardano diverse zone, a cominciare dalla Chinatown meneghina in via Paolo Sarpi, in programma per domenica 2 Febbraio con la tradizionale sfilata. Il motivo ricorrente è il rosso, con lanterne e cartelli ovunque, colore propiziatorio e portafortuna per un inizio che si rinnova e per la festa anche detta, non a caso, delle lanterne.
101CAFFE’ ricorda questo momento con gli affiliati di Singapore, dove è stato aperto di recente un secondo punto vendita. Si tratta di un appuntamento all’insegna del dialogo e dell’incontro, due culture, quella occidentale e quella orientale, distanti ma conviventi, che si fondono insieme per festeggiare il debutto di un nuovo anno, per una maggiore condivisione.

Grazie al loro contributo abbiamo scoperto alcuni degli aspetti caratteristici di questo evento, come le danze del drago, del leone, gli spettacoli imperiali, l’usanza di mangiare alcuni cibi considerati scacciaguai, come il pesce, i ravioli, gli involtini primavera, le torte di riso glutinoso, le tangyuan e gli agrumi.
C’è anche l’abitudine di assaporare lo Yuangyang, un tipico caffè cinese da bere in coppia, che ci piace ricordare come ricetta simbolo dell’amore e dell’armonia. Il nome è quello dell’anatra mandarina, che simboleggia l’incontro tra due elementi.
Lo Yuanyang si prepara, infatti, unendo un terzo di caffè a due terzi di tè. Il tè deve essere una miscela di tè neri a cui si aggiunge latte condensato e zucchero.

Viene servito sia caldo che freddo, con l’aggiunta di cubetti di ghiaccio.
Tutto pronto quindi per le celebrazioni, che avvicinano la cultura cinese a quella italiana, per una maggiore coesione culturale e che, a differenza della nostra tradizione, in Cina non si esauriscono nell’arco di una sola giornata, ma vanno avanti per circa due settimane, all’insegna di musiche, balli, cortei, manifestazioni, eventi chiassosi all’aperto ed altri riti che ogni famiglia vive all’interno delle mura domestiche.

Da Singapore a Milano e ritorno, buon Capodanno Cinese con 101CAFFE’: Gong Xi Fa Cai!

Categorie